Conoscersi (II)

Lamia (prima versione), John William Waterhouse

“Commençons par la fellation. Bien. Pour vous, c’est prendre une queue dans votre bouche, la branler et la faire venir le plus vite possible. Et bien, moi, je vous dis que lorsque vous prenez un homme dans votre bouche, vous le tenez tout entier. Parce-que entre le moment il croyait encore vous entreprendre et celui o il ce retrouve le pantalon sur les chevilles, dèmuni, le souffle court, il n’est ce passé qu’un istant. Mais là se vous qui maîtrisez son plaisir. Plongèe entre ses cuisses, à genoux, vous lui caressez le membre d’une main soyeuse. Votre langue remont lentement, lentement, l’enveloppe, pour l’avaler tout entier, le sentir se durcir dans la moiteur de votre bouche. La fellation est la clè d’entrée dans un monde ou la putain regne en maître. Alors si vous voulez bien ouvrir vos oreilles et faire travailler vos mèninges, vous pourrez devenir les fantasmes secrets de vos clients et vous y engouffrer pour mieux les controller.”  – Hortense Gaillac, 2×03, Maison Close

Il discorso è di Hortense Gaillac, maîtresse del Paradis, casa chiusa di Parigi nei turbolenti anni Settanta dell’Ottocento, alle prostitute di strada che devono essere educate ad una corretta fellatio. Nelle frasi in grassetto c’è l’essenza di questa pratica: succhiare è potere.

Ecco già vedo le mani alzate e odo un “obiezione, Vostro Onore”.

E’ vero, le donne in generale non sono fan del pompino, o peggio, mostrano in pubblico di non esserlo. Per una serie di motivi che possono essere legittimi nel vissuto sessuale di ognuno. Oltre ai fattori pulizia e malattie veneree (se non vi fidate nemmeno dopo aver chiesto, non avventuratevi nella “savana”), che giocano sicuramente un ruolo importante, la carta che è tirata in tavola più spesso è quella della sottomissione. Scusate, ma l’ultima volta che avete controllato, la vostra vagina era incastrata nella fronte? Sì, lo so, i secoli di sottomissione al maschio ci pesano ancora sulle gonadi. E’ comprensibile. Tuttavia, il sesso è l’unica occasione in cui un uomo e una donna possono considerarsi pari perchè nudi e quindi vulnerabili. Lui si pone interamente nelle vostre mani come voi nelle sue con il cunnilingus. I problemi di dominio si dissolvono se il vostro partner è steso e lo guardate negli occhi. Scoprirete che il suo è uno sguardo tutt’altro che arrogante. E’ in totale vostra balia. Non state subendo, siete accolte e volute. Da qui, la sensazione di potere.

Ok, però ho l’ansia da prestazione. Il porno per uomini, in effetti, ha commesso e continua a commettere parecchi danni, dato che si concentra sulla tecnica sessuale veloce e incattivita. La performance della gola profonda è da equiparare alla bravura di un fachiro che si ficca lento una spada nell’esofago. E’ sconsigliato dunque inglobarselo subito stile zucchina. Fondamentale è giocarci all’inizio e stare attente a non sfoderare i denti. Più che sfoggiare manestrie infallibili, è meglio non riflettere su se lo state eccitando. Seguite l’istinto accorgendovi delle sue reazioni e chiedete quando è necessario. Il pezzo di carne che maneggiate è legato ad una persona.

A questo punto alcune di voi hanno chiuso gli occhi. Apriteli. C’è un intero apparato da esplorare con mani e bocca. Il piacere non è racchiuso nel solo pene. E soprattutto guardate il tipo nelle palle degli occhi.

Il dilemma amletico è ingoiare o sputare. Se avete ancora la nausea sulla punta della lingua, l’atto in sè non fa per voi. Abbandonate prima che sia tardi. Sputare è come accettare un piatto che non ci piace e lasciarne il contenuto con grande dispiacere di chi l’ha cucinato. La scelta è compresa dal tizio che vi sta di fronte ma non accettata pienamente. Lungi da me rimuovervi dalla vostra decisione.  Vi informo però che lo sperma è ricco di fruttosio, è dolce e nutriente. Lasciate perdere la diceria secondo la quale ingrosserebbe le tette. L’unica cosa che gli studi hanno dimostrato è che contiene beta-endorfine che possono aiutare a diminuire i sentimenti di depressione nelle donne.

Abbandonatevi senza pensare a nulla, non strozzatevi imitando le pornodive, siate spontanee…e almeno provate una volta questa avventura così che poi possiate dire che vi fa schifo con cognizione di causa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...