La delicatezza dell’uomo

 photo eyes-closed-cute-teddy-bear-day-pics-images-wallpaper_zps4mruvgvm.jpg

Accarezzate la testa dell’uomo appoggiata sul vostro petto. Un essere vulnerabile e bisognoso di tenerezza come voi. Vi sussurra confidenze e si apre con facilità imprevista. Accettate l’atteggiamento con serenità mista ad una vena di timore. Il confidarsi di un uomo è visto come un qualcosa di serio, come del resto quello della donna, ma è considerato più determinante di quest’ultimo nell’inizio di un sentimento chiamato amore. I dati “scientifici” ai quali attingiamo sono: insegnamenti genitoriali, società patriarcale, riviste femminili. Fonti inoppugnabili di sapere.

Questo perchè chi ci sta di fronte è di sesso maschile. L’uomo non può essere dolce e mostrare la propria sensibilità se non nell’intimità nella quale la scorza ruvida e bitorzoluta cade e scopriamo il suo succo. Il fatto che sia un essere umano difficilmente accende la lampadina nella notte del nostro cervello. Ci impauriamo e siamo pronte a scappare se si tratta di una botta e via. Rimaniamo se vogliamo cominciare una storia. Nella metà dei casi, lui non aveva nessuna intenzione di qualsiasi tipo. Come accade a voi quando siete a vostro agio. Chiacchierate tanto e l’altro non fa che ascoltarvi. È purtroppo un modo di pensare al quale sono stati abituati entrambi i sessi. Scrollarsi le credenze pregresse non è un gioco da ragazzi. Aiuta abbastanza comprendere che uno scambio di confidenze sia semplice chimica. Scegliere di coltivarla è una questione di volontà reciproca.

I pregiudizi sul comportamento maschile in ambito sessuale sono molteplici. Per esempio: “Se vai con uno per sesso, ti limiti all’atto e buonasera.” Tendiamo a ricalcare i comportamenti standard della parabola del maschilismo per il principio di una discutibile parcondicio. È innegabile ci siano persone che ci ispirino più tenerezza di altre, però i baci e gli abbracci di un uomo sono ricevuti dalla donna spesso in uno stato confusionale scostante. “Che diavolo vorrà ora”, “Non può comportarsi così”, sono le frasi che ricorrono nella nostra mente. Essere in grado di coccolare senza aspettative è un’alta espressione di maturità affettiva. L’affettuosità è una caratteristica della specie umana e non denota fragilità, altresì forza.

Non riesce a venire, si blocca, oddio è colpa mia. Siamo talmente legate alla cultura del pene eretto sinonimo d’eccitazione, che ci colpevolizziamo subito se ciò non si verifica. Partoriamo pensieri consumistici “usa e getta” e tiriamo conclusioni affrettate. In natura nulla è garantito. L’uomo non viene a comando per una miriade di motivi (tra cui possono esserci problemi di prostata) o uno non ben identificato come la donna.

Il maschio è fragile, amorevole, affettuoso, senziente. Ed ha altrettante qualità “negative” come noi donne. Il lato sul serio negativo è che la delicatezza dell’uomo si svela solo in un contesto intimo al riparo dagli occhi indiscreti del pubblico. Piange nell’oscurità di una stanza. E più ci meravigliamo della sua sofficità, più siamo imbrigliati negli stereotipi e siamo sessisti. A cominciare da me che ho scritto questo post.

Salva

Salva

Salva

Annunci

One Reply to “La delicatezza dell’uomo”

  1. Fa parte della nostra natura “animale” creare categorie di appartenenza ben definite e classificare la gente. Un artista DEVE vestirsi in modo stravagante e non in giacca e cravatta. Un ragioniere il contrario. Altrimenti non passi il primo colloquio. Per fortuna, alle volte, nell’intimità di coppia c’è spazio per esser sé stessi. Quanto al problema che hai descritto prima ti suggerisco quello che ho io in questo periodo: paura d’amare. Mi guardo un porno tutto bene. Faccio da solo ? Tutto bene. Sesso orale ? tutto bene. Basta avvicinarmi al suo pertugio e puff ciao fine dei giochi. E no, non è che non sono più etero. E’ che anche noi in fondo possiamo essere fragili come è umano che sia. Ma in questo caso lo dimostriamo platealmente, non possiamo fingere 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...