Macché 50 Sfumature di Nero, a San Valentino guardatevi la nuova edizione della guida I love BDSM di Ayzad tra un cioccolatino e un bicchiere di vino

image

 

Ho sempre sentito un certo prurito allo stomaco nella demonizzazione delle cose prima di averle provate. Ho letto 50 sfumature di grigio finché ho potuto (136esima pagina) e solo dopo ho avuto ragione ad averne un giudizio negativo. Ho letto Histoire d’O e ho cambiato idea sul concetto di sottomissione. Ho letto I love BDSM – Guida per principianti ai giochi erotici di bondage, dominazione e sottomissione Perfect Edition 2017 di Ayzad appena uscito e, una volta finito, volevo anch’io praticare BDSM.

Dimenticate l’immaginario comune su questa pratica sessuale, perché come nei costumi appariscenti di una danza, si tratta del suo rivestimento esterno.

Ayzad, esperto di sessualità estreme, informa nella sua guida che al cuore del BDSM ci sono tre sentimenti fondamentali: fiducia, amore e rispetto. È preferibile non iniziare questo percorso con una persona sconosciuta, ma chiedere prima al partner di turno che cosa ne pensi.

Non dovete avere paura nell’esprimere i vostri desideri perché, ci tiene a precisare all’inizio del libro l’autore, siete normali. Per dimostrarlo chiama a supporto la biologia e l’etologia, che “ci insegnano come tutti i mammiferi – esseri umani compresi – siano dotati di un istinto naturale di dominazione e sottomissione, necessario per convivere con i propri simili.” È difficile liberare i nostri istinti, sin da piccoli siamo educati a comportarci in pubblico e in privato secondo i parametri stabiliti dalla società. Una persona che pratica BDSM è rilassata e libera al pari di una che vive con serenità la propria sessualità, piuttosto che una definita “normale”. Inoltre, in Italia non è così di nicchia come potete pensare, ci sono “più di quattro milioni di adulti praticanti.”

Il BDSM è un’arte sessuale. Ciò significa che non potete buttare il manuale delle istruzioni troppo presto. È necessario imparare le regole per poi disfarle, almeno in parte. Una delle affermazioni che ho più apprezzato del libro è il sostenere che l’organo sessuale principale è il cervello. “È il luogo in cui l’eros estremo nasce e alimenta passioni infinite.” Il BDSM ha gli stessi effetti di un cammino spirituale, mette in discussione ciò che siete, vi cambia. Come ogni attività positiva, è una scoperta e sperimentazione continua.

Non ci sono assurdi contratti da sottoscrivere tra dominatore e sottomesso come accade tra Christian Grey e Anastasia Steele. Il rapporto tra i due è da sadomasochismo patologico, un serio disturbo mentale. Nella realtà, ciò che succede nella camera da letto, rimane lì, dominazione e sottomissione non regolano lo stile di vita quotidiano. Poiché ci si dona completamente da entrambe le parti, è indispensabile provare affetto e fiducia reciproci.

Il dolore è ovviamente una componente importante di questa disciplina ma non se ne abusa. Infatti il motto SSC (sano, sicuro e consensuale) e le safeword esistono davvero per evitare di farsi male. Se si usano delle corde, è necessario lasciare sempre lo spazio di un dito nella chiusura dei nodi per non renderle troppo strette. Si comprimono i tessuti morbidi, non quelli nervosi e così via. Se il dolore ancora vi preoccupa, Ayzad ci tiene a precisare che “l’eccitazione riduce la percezione del dolore.[…] la soglia di sensibilità si riduce dal 40 al 100%.” Gli strumenti sofisticati tipo frusta e catene si utilizzano solo se si SA come utilizzarli. Nel libro c’è una sezione video con dei tutorial di bondage di Stefano Laforgia della scuola bondage Itoh Seiyu di Roma.

A correlare la scrittura scorrevole e chiara dell’autore, per ogni capitolo ci sono disegni e foto in bianco e nero, quest’ultime molto naturali e spontanee, che invogliano ad avventurarsi nella sperimentazione, a differenza delle foto di moda asettiche alla Helmut Newton. Verso la fine della guida sono indicati negozi, fiere, link utili da spulciare e un mini-kit domestico di strumenti e sex toys fai-da-te da tenere sotto mano per ogni evenienza. La prefazione di Fabrizio Quattrini, presidente dell’Istituto Italiano di Sessuologia Scientifica e docente all’università dell’Aquila, è un’ulteriore prova e garanzia che Ayzad è una persona competente in materia.

Ho iniziato a leggere I love BDSM pensando che questa pratica fosse fredda, distaccata e senza forti sentimenti, e l’ho finito con un profondo senso di rispetto, curiosità nel provarla con l’uomo di turno, sensazione di aver imparato qualcosa in più. Adoro quando un testo stravolge le mie convinzioni personali con solidi argomenti. Grazie ad Ayzad per avermi aperto gli occhi.

L’edizione che ho letto io è nuova e aggiornata ed edita dall’autore stesso, trovate le differenze con quella vecchia qui.

 

Annunci

3 Replies to “Macché 50 Sfumature di Nero, a San Valentino guardatevi la nuova edizione della guida I love BDSM di Ayzad tra un cioccolatino e un bicchiere di vino”

  1. Trovo questo articolo confusionario e in fondo con un unico obbiettivo, pubblicizzare la pubblicazione di Ayzad. Mi chiedo solamente, ma se “Le sfumature” non hanno nulla di Bdsm perchè questo libro deve essere confrontato con uno che dovrebbe essere un vademecum della nobile arte? Ho come l’impressione che a qualcuno piaccia vincere facile.

    Mi piace

    1. Se è una buona lettura, non c’è nulla di male a pubblicizzarla. Il libro è associato a 50 Sfumature di Grigio/Nero perchè la guida di Ayzad è per principianti, Anastasia Steele è una principiante e anch’io sono una principiante. Inoltre il film è uscito venerdì, quindi il paragone mi sembrava attuale e poteva invogliare a leggere la recensione, soprattutto i profani come me. Grazie di aver letto comunque! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...